Ricostruzione Unghie

La tua ricostruzione unghie si solleva o si crepa? Ti dico io il perchè!

Condividi su:

La ricostruzione unghie col gel ormai è così diffusa che quasi tutte abbiamo le unghie ricoperte col gel.

Perchè rinunciare a questa comodità: unghie sempre in ordine per settimane, problemi di sbeccamento dello smalto e ore di attese di asciugatura sono solo un lontano ricordo per chi utilizza il gel sulle unghie, e che dire di chi le mangia? Problema risolto con una passata di gel!

Ma è così facile come sembra?

La verità è che a nessuno piace quando il gel si solleva o si stacca dall’unghia, nè alla cliente che rimane insoddisfatta del lavoro, nè all operatrice perchè mette in discussione il suo lavoro e professionalità.

Il risultato della ricostruzione unghie può essere compromessa per due motivi: colpa della cliente o colpa dell’ onicotecnica. Per quanto riguarda la cliente noi possiamo solamente dare dei buoni consigli su come mantenere al meglio le unghie nel corso delle settimane, come per esempio usare i guanti durante le pulizie domestiche, ecc… invece per quanto riguarda l’onicotecnica vi dò io qualche consiglio per evitare sollevamenti fastidiosi e antiestetici.

  • Niente acqua

Non fate lavare le mani alle vostre clienti prima del trattamento, perchè l’unghia bagnata può compromettere la tenuta del gel e potrebbe favorire fastidiose proliferazioni batteriche, disinfettate invece mani e unghie con soluzione disinfettante alcolica (l’alcool evapora molto velocemente) e aumentate l’aderenza del gel utilizzando un nail prep

  • Limatura dell’unghia

La limatura dell’unghia deve essere estremamente delicata, serve solamente a eliminare la patina d’unto che naturalmente si trova sulla superficie dell’unghia, se si effettua una limatura troppo aggressiva e si assottiglia eccessivamente l’unghia il gel non terrà. Aiutate l’adesione del gel applicando il primer.

JnStore Best Sellers

  • Le cuticole

Un occhio di riguardo và alle cuticole che devono essere trattate con delicatezza senza mai farle sanguinare (il giradito è sempre in aguato) inoltre bisogna eliminarle completamente dalla superficie dell’unghia: un residuo di pellicina o magari di polvere può far sollevare il vostro gel

  • Applicazione del gel

estrema attenzione a non toccare mai le cuticole con il gel, se dovesse succedere togliete immediatamente il prodotto in eccesso con un legnetto di arancio o con lo spot, altrimenti la vostra ricostruzione unghie si solleverà in pochi giorni. Lasciate 1-2 millimetri di distanza tra gel e cuticole

  • Qualità e quantità

ovviamente è superfluo dire che i prodotti che utilizzate devono essere di alta qualità certificata, per quanto riguarda invece la quantità ci sono due grossi errori che comunemente si fanno: o troppo grosse perchè si pensa che durino di più, o troppo fine perchè così sono esteticamente più belle. La quantità di gel da applicare deve essere proporzionata alla grandezza e lunghezza dell’unghia naturale

  • Mix di prodotti

vi sconsiglio vivamente di non mixare prodotti di diversi marchi. Ogni marchio studia la composizione dei propri prodotti in modo che siano complementari l’uno con l’altro. Utilizzare per esempio la base del marchio X con il gel costruttore del marchio Y potrebbe comprometterne la struttura e di conseguenza la tenuta e il risultato finale

  • Tempi di asciugatura

quando eseguite una ricostruzione unghie non abbiate fretta, rispettate sempre i tempi asciugatura di ogni passaggio di prodotto che mettete, meglio un minuto in più che 30 secondi in meno.

  • Bombatura

sopratutto su unghie medio-lunghe, la bombatura o curvatura a C è fondamentale che sia fatta nel punto e nel modo corretto per garantire durata e resistenza alla ricostruzione unghie

  • Esperienza

anche le più brave onicotecniche hanno dovuto fare la gavetta e sono arrivate ad un certo livello solo dopo tantissima esperienza ricoperta di errori e di sbagli, perchiò non fatevi abbattere dalle prime difficoltà e perseverate nel vostro scopo: diventare la miglior onicotecnica!


Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *